Accedi

Accedi in area riservata

Username *
Password *
Remember Me
Twitter Angopi   Facebook Angopi   Youtube Angopi    

IN QUESTO NUMERO: “Il giorno 25 aprile 2011, accolte dalla Torretta e dalla Fortezza del Priamar, Costa Concordia, Costa Luminosa, Costa Vittoria e Costa Deliziosa sono arrivate nel porto di Savona, che per la seconda volta in poco tempo accoglie quattro gigantesche navi passeggeri contemporaneamente, con il loro carico di 20mila passeggeri. La prima nave ad entrare e anche la più grande (con ben 114.147 tonnellate di stazza lorda) è stata Costa Concordia, ormeggiata presso la zona 10 (Terminal Crociere) di fronte alla nostra sede sociale e antistante la Torretta, simbolo della città di Savona. Successivamente, in simultanea hanno attraccato Costa Luminosa nella zona 7 (la banchina recentemente dedicata al compianto Don Mario Genta, conosciuto e ricordato da tutti come lo storico “prete del porto”) e Costa Vittoria nella zona 30 (Alti fondali), una novità per l’ormeggio delle navi da crociera e per questo motivo appositamente attrezzata con tensostrutture per consentire lo sbarco e imbarco dei crocieristi. Per finire, Costa Deliziosa ha ormeggiato nella vicina zona 12, più volte utilizzata per ormeggi analoghi. Per questo straordinario evento, grazie al buon coordinamento con i Piloti del Porto, dal Gruppo ormeggiatori sono state impiegate due squadre di quattro uomini ciascuna, due motobarche e due automezzi. Nel pomeriggio, a partire dalle 17 hanno preso la via del mare nell’ordine Costa Vittoria, Costa Deliziosa, Costa Concordia e Costa Luminosa, con centinaia di persone affacciate sul Lungomare G. Matteotti a salutare sventolando fazzoletti le navi in uscita e automobilisti incuriositi fermi in colonna sull’Aurelia”. Con la nota del vicecapogruppo degli ormeggiatori di Savona Giacomo Sifredi, riferita alle immagini di copertina e controcopertina emblematiche sull’inizio della stagione crocieristica 2011, inizia questo estemporaneo Sommario. Che poi prevede, da pag. 3, il 30° anniversario della costituzione del Gruppo ormeggiatori e barcaioli delle Isole Eolie; da pag. 15 l’installazione di bitte su progetto elaborato del Gruppo Ormeggiatori di Genova (come altrettanto loro è il ‘nido’ che accoglie il sommergibile Sauro (pag. 21). Segue, poi, da pag. 24, la rubrica Sicurezza con spunti da Milazzo e Ravenna, mentre da pag. 27 un intervento del Gruppo di Chioggia offre lo spunto per intitolare la rubrica Sos ormeggiatori. Gli ormeggiatori e barcaioli di Gela aprono, da pag. 32, gli encomi, seguiti da quelli ricevuti da Civitavecchia, Gaeta, Siracusa - Pozzallo (di cui qui si riporta un passaggio del comandante della Capitaneria di Pozzallo Ennio Garro: “… nella vigilanza e controllo degli ormeggi […], ha permesso più volte di evitare e prevenire potenziali pericoli per la sicurezza della navigazione portuale e delle altre navi mercantili presenti in banchina, proprio grazie ai tempestivi e costanti interventi per il rinforzo immediato dei cavi lesionati od in bando…”. E il capoverso “…da codesto Gruppo, che non perde occasione per dimostrare la massima disponibilità, in qualsiasi ora del giorno e della notte, verso tutte quelle attività a difesa della pubblica incolumità, sicurezza della navigazione e tutela ambientale, sicuramente radicate nella coscienza e nel quotidiano impegno profuso da tutti gli ormeggiatori…”); e infine, ancora un encomio proveniente dall’Ufficio circondariale marittimo di Torre Annunziata. Che precede le News dei Gruppi (da pag. 47) volte alle operazioni eseguite dagli ormeggiatori del porto di Napoli e di Livorno (ma non sono da meno quelle degli uomini dei Gruppi di Monfalcone e di Gioia Tauro, compartecipi delle stesse manovre marinaresche). Il numero del secondo trimestre 2011 di ‘Porti & servizi tecnico nautici’ si chiude, a pag. 51, da una iniziativa sociale di cui si è trattato presso la Sala Porto Antico della Capitaneria di Porto - Guardia costiera di Genova. Vedi allegato

NOTA! I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di più sui cookies e come cancellarli Privacy Policy.

Accetto i cookies di questo sito